Homepage

Sentenze Processo ai generali AM Italia Bartolucci, Ferri, Melillo e Tascio

Fonte: stragi80.it

Sentenze Processo ai generali AM Italia Bartolucci, Ferri, Melillo e Tascio

I Generali AM ITALIA sono stati assolti tutti con sentenza definitiva.

 

Sentenza Ordinanza Giudice Rosario Priore

Fonte stragi80.it

 

 

Sentenza Ordinanza Giudice Rosario Priore 1999

Sentenza-ordinanza

Perizie istruttoria

Le perizie
Sintesi e considerazioni
Introduzione
I – Perizie dell’AG di Palermo
II – Relazione del Ministero dei Trasporti cd. “Luzzatti” – 27.03.82
III – Relazioni dell’AM “Oddone” – 05.10.82
IV – Perizia chimica Acampora-Malorni – 03.02.87
V – Perizia tecnica Blasi ed altri – 17.03.89
VI – Relazione dello SMA “Pisano” – 05.05.89
VII – Relazione della Presidenza Consiglio dei Ministri “Pratis” – 17.11.89
VIII – Relazione degli ausiliari Giaccari ed altri – 05.02.90
IX – Perizia tecnica Blasi ed altri. Quesiti supplementari – 26.05.90
X – Perizia fonica Giordano-Rossi – 02.03.90
XI – Consulenza fonica Umilio – 10.03.90
XII – Perizia fonica Ibba-Paoloni – 29.05.90
XIII – Consulenza tecnica Ugolini – 28.06.90
XIV – Consulenza tecnica Giuli – 13.07.90
XV – Consulenza tecnica Miggiano – 18.07.90
XVI – Consulenza tecnica Di Marco – 09.08.90
XVII – Consulenza fonica Benedetti – 05.10.90
XVIII – Perizia tecnica Blasi ed altri. Quesiti a chiarimento – 30.10.90
XIX – Perizia acustica Ibba-Paoloni – 30.05.91
XX – Perizia fonica Ibba-Paoloni – 17.04.92
Capitolo XXI – Consulenza tecnica Dell’Oro ed altri – 15.02.91
XXII – Consulenza tecnica Di Natale-Torri – 15.02.91
XXIII – Consulenza tecnica Di Marco ed altri – 20.02.91
XXIV – Perizia chimica Acampora-Malorni a chiarimenti – 19.04.91
XXV – Perizia grafica Perrella-Sorrentino – 22.11.91
XXVI – Perizia grafica Perrella-Sorrentino – 10.04.92
XXVII – Perizia fonica Ibba-Paoloni – 19.05.93
XXVIII – Perizia medico-legale Giusti – 22.05.93
XXIX – Perizia chimica Lopez ed altri – 12.03.94
XXX – Perizia balistico-esplosivistica Ibisch ed altri – 14.04.94
XXXI – Perizia metallografica-frattografica Firrao ed altri – 30.07.94
XXXII – Consulenza radaristica Di Natale ed altri – 23.03.92
XXXIII – Consulenza tecnica Cardinali – 06.05.92
XXXIV – Consulenza radaristica Pent-Vadacchino – 21.05.92
XXXV – Consulenza tecnica Bazzocchi – 18.07.92
XXXVI – Consulenza tecnica Bazzocchi ed altri – 18.07.92
XXXVII – Consulenza tecnica Cinti – 20.11.92
XXXVIII – Consulenza tecnica Cinti – 12.05.93
XXXIX – Consulenza tecnica Miggiano – 04.12.92
XL – Consulenza radaristica Neri-Giubbolini – 25.05.93
XLI – Consulenza radaristica Neri-Giubbolini – 25.05.93
XLII – Consulenza radaristica Pent-Vadacchino – 13.07.93
XLIII – Consulenza tecnica Algostino-Vadacchino – 16.07.93
XLIV – Consulenza tecnica Bazzocchi ed altri – 19.04.94
XLV – Consulenza tecnica Torti ed altri – 09.06.94
XLVI – Consulenza tecnica Bazzocchi – 09.06.94
XLVII – Osservazioni tecniche Melillo – 16.06.94
XLVIII – Perizia tecnico-scientifica Misiti ed altri – 23.07.94
XLIX – Perizia tecnico-scientifica Misiti; parte radaristica 1a
L – Perizia tecnico-scientifica Misiti; parte radaristica 2a
LI – Critiche PM a seguito deposito della perizia Misiti – 28.09.94
LII – Osservazioni GI e quesiti a chiarimento – 18.10.94
LIII – Risposte ai quesiti a chiarimento dei periti Casarosa-Held – 23.11.94
LIV – Risposte ai quesiti a chiarimento dei periti Misiti ed altri – 23.11.94
LV – Critiche PM ed osservazioni GI sulle risposte ai quesiti a chiarimento – 29.11.94
LVI – Commenti sulla Misiti e sulle consulenze depositate durante il suo corso
LVII – Quesiti a chiarimento sui recuperi – 30.11.94
LVIII – Quesiti a chiarimento Firrao ed altri – 18.03.95
LIX – Risposte Brandimarte ed altri – 21.07.94
LX – Risposte Brandimarte ed altri – 04.08.94
LXI – Risposte Brandimarte ed altri – 18.02.95
LXII – Inquinamento peritale
LXIII – Declassifica manuali NATO e nomina collegio Dalle Mese
LXIV – Missioni presso la NATO
LXV – Elementi radaristici emersi presso il “NATO Programming Center” di Bruxelles
LXVI – Osservazioni tecniche Melillo – 22.09.974
LXVII – Consulenza radaristica Algostino ed altri – 23.11.94
LXVIII – Osservazioni tecniche Melillo – 24.11.94
LXIX – Consulenza tecnica Bazzocchi ed altri – 15.12.94
LXX – Consulenza Memoria avv.ti Addamiano-Fassari – 29.12.94
LXXI – Consulenza tecnica Bazzocchi – 31.12.94
LXXII – Osservazioni tecniche Melillo – 14.03.95
LXXIII – Consulenza tecnica Cinti – 18.03.95
LXXIV – Osservazioni Casarosa-Held – 21.03.95
LXXV – Osservazioni tecniche Melillo – 28.04.95
LXXVI – Osservazioni Casarosa-Held su documenti depositati dal generale Melillo
LXXVII – Consulenza Memoria Addamiano-Fassari – 02.06.95
LXXVIII – Consulenza radaristica Algostino ed altri – 31.10.95
LXXIX – Osservazioni tecniche Melillo – 23.12.95
LXXX – Consulenza tecnica Cinti-Di Stefano – 23.12.95
LXXXI – Osservazioni tecniche Melillo – 09.05.96
LXXXII – Consulenza tecnica Cinti-Di Stefano – 12.07.96
LXXXIII – Consulenza tecnica Cinti-Di Stefano su supplemento radaristica – 12.07.96
LXXXIV – Osservazioni tecniche Melillo – 25.02.97
LXXXV – Perizia chimica Lopez ed altri – 13.05.97
LXXXVI – Consulenza tecnica Cinti-Di Stefano – 20.05.97
LXXXVII – Perizia radaristica Dalle Mese ed altri – 16.06.97
LXXXVIII – Consulenza tecnica Cinti-Di Stefano dell’1.08.97
LXXXIX – Consulenza tecnica Giubbolini di commento a Cinti-Di Stefano – 13.11.97.
XC – Consulenza radaristica Giubbolini – 13.12.97
XCI – Consulenza radaristica Di Marco – 16.12.97
XCII – Osservazioni tecniche Melillo – 16.12.97
XCIII – Perizia radaristica – Risposte a quesiti aggiuntivi Dalle Mese ed altri – 06.12.97
XCIV – Perizia radaristica note aggiuntive Dalle Mese ed altri – 22.12.97
XCV – Relazioni Misiti-Santini – 23.12.97.
XCVI – Relazioni Lilja ed altri – 27.02.98 e 24.03.98
XCVII – Consulenza radaristica Giubbolini – 29.12.97
XCVIII – La parte delle requisitorie PM dedicata alle perizie
XCIX – Consulenza tecnica Pent-Vadacchino – 01.08.98
C – Consulenza Radaristica Pent-Vadacchino su tracce di solo primario – 01.08.98
CI – Osservazioni Casarosa su consulenze Melillo – 30.12.98
CII – Ricostruzione dei fatti Algostino-Pent-Vadacchino -24.03.99
CIII – Note di conclusione Casarosa – Held – 08.04.99
CIV – Note di conclusione Dalle Mese-Donali-Tiberio – 08.04.99
CV – Consulenza di parte civile Bonfietti ed altri – 02.06.99
CVI – Note Casarosa-Held – 07.07.99
Conclusioni sulle perizie
I – L’ipotesi del cedimento strutturale
II – L’ipotesi di esplosione interna
III – Il contesto esterno
IV – L’ipotesi di abbattimento per missile
V – L’ipotesi della quasi collisione

28 gennaio 2013

stragi80

 il testo della sentenza della Cassazione

http://www.stragi80.it/?p=1705

 

Casablanca n°32: articolo Mario Ciancarella sulla strage di Ustica

associazione antimafie "Rita Atria"
Casablanca n.32
http://issuu.com/casablanca_sicilia/docs/cb32

4 – Pippo Fava …dopo trent’anni
7 – Rino Strano In nome del Popolo Siciliano
9 – Fulvio Vassallo Paleologo Ma Quale Europa?
13 –Guerra alle migrazioni e ai Migranti Antonio Mazzeo
16 – Eleonora Corace Non si può morire due volte
19 – Mi distacco, coraggio o follia? Graziella Proto
22 – Carceri… Brutto, sporco e cattivo Roberto Bezzi
24 – Mario Ciancarella Strage di Ustica… diretta complicità “interna”
26 - Malala un nome che è anche destino – Franca Fortunato
29 – Gisella Modica U Cunto delle Donne
32 –Alessio Di Florio Pescara, ombelico del “Traffico”
35 – Librino, armiamoci e spazziamo Piero Mancuso
Le Brigantesse e Le Pantere – Rugby femminile
38 – La Marcia su Porta Pia Massimo Lauria
42 - Salvatore Coppola, un UOMO di altri tempi
Marilena Monti, Giacomo Pilati, Daniela Thomas
46 - Lettere dalle città di frontiera
48 - Libri e Riviste dalle città di frontiera
53 – Evento: la Memoria di Stefania Noce

Il mensile di DIECI e VENTICINQUE sulla strage del 27-06-1980

Telejato Notizie
#Ustica…Stato disperso
Il mensile di DIECI e VENTICINQUE sulla strage del 27-06-1980

http://www.diecieventicinque.it/2013/06/23/n-17-strage-di-ustica/
 

 

Fascicolo Processo contro Sandro Marcucci

 

Premessa: Sandro Marcucci fu assolto da tutte le accuse e reintegrato in AM Italia

http://www.mediafire.com/download.php?63ba1304xyn711t

sentenze definitive Processi militari a Mario Ciancarella e Sandro Marcucci

http://www.mediafire.com/download.php?2m0z5kcdxso2okr
processo militare contro Sandro Marcucci: atti istruttoria

http://www.mediafire.com/download.php?51tiw78vtef3q41 atti vari 1

http://www.mediafire.com/download.php?uuthjxeko1mu5bz atti vari 2

http://www.mediafire.com/download.php?97i2cbxkcezf1cc

fascicolo processuale militare sandro marcucci dibattimento primo grado

http://www.mediafire.com/download.php?ci6cqh135dj1ado

sentenza processo militare a sandro marcucci di primo grado

http://www.mediafire.com/download.php?ebxe3xm0t092ha3

motivazioni appello procura militare

http://www.mediafire.com/download.php?9ak9ithveip2neh

processo contro Sandro Marcucci: dibattimento appello

http://www.mediafire.com/download.php?5w0gk4i0lb57zkm

dispositivo sentenza appello

http://www.mediafire.com/download.php?nesmp7dgxnm635z

ricorsi in Cassazione e Sentenza Cassazione

http://www.mediafire.com/download.php?2ty0qa72k94ku56

lettera Sandro Marcucci a Capo di Stato Maggiore A M Italia 13 ottobre 1981

http://www.mediafire.com/download.php?5jt5fxgvviikafl

fascicolo militare personale Sandro Marcucci prima parte

http://www.mediafire.com/download.php?6u027ahj5rj2s67

fascicolo militare personale Sandro Marcucci seconda parte

http://www.mediafire.com/download.php?rtyqshk5zme97yj

fascicolo militare personale Sandro Marcucci terza parte

http://www.mediafire.com/download.php?bfhtgc5cm3vqv2c

fascicolo militare personale Sandro Marcucci quarta parte

http://www.mediafire.com/download.php?hkz2ugmb14hc5gc

fascicolo militare personale Sandro Marcucci: 1979-1982

 

 

Fascicolo processo contro Mario Ciancarella e atti sua radiazione da AM Italia

 

 

Premessa: Mario Ciancarella nel processo penale non subì alcuna condanna. Fu comunque espulso da AM Italia, ma c'è in corso un processo a Firenze per verificare se la firma sull'atto della sua radiazione non appartiene come dice una perizia di parte al Presidente Pertini. Se quella firma fosse falsa, il Ciancarella sarebbe ancora un Ufficiale AM della Repubblica italiana.

http://www.mediafire.com/view/?l1wdlcmf4we

documenti radiazione Mario Ciancarella

http://www.mediafire.com/download.php?af9n1v1kbhplrs5

processo militare a Ciancarella: atti vari 1

http://www.mediafire.com/download.php?bbzf9lp6wr9m2d7

processo militare contro Ciancarella: atti vari 2

http://www.mediafire.com/download.php?dnue1c184aom8yd

processo a Ciancarella: atti vari 3 e atti istruttoria

http://www.mediafire.com/download.php?dcfynb2qbyz027b

processo a Ciancarella: atti vari 4

http://www.mediafire.com/download.php?3wc0q4xzt0fwz6y

processo a Ciancarella: atti vari 5

http://www.mediafire.com/download.php?8s1b9gt0wulcdur

processo a Ciancarella: atti udienze e dispositivo sentenze primo grado

http://www.mediafire.com/download.php?7q4zcb8l9fml99c atti generici

http://www.mediafire.com/download.php?j9lan9fg9c8ofd5

motivi appello Procura Militare

http://www.mediafire.com/download.php?7quekj36nrch3d3

processo contro Ciancarella: atti dibattimento e dispositivo sentenza appello

http://www.mediafire.com/download.php?waiarca7r5csusc

atti sgombero Cral e vari

http://www.mediafire.com/download.php?gq8s2wmg2nu6ii8

allegati de paolis seconda Regione Aerea

http://www.mediafire.com/download.php?6econ7dfc113uqv

rassegna stampa

http://www.mediafire.com/download.php?7yqlbofdr2fg1q6

firme Partigiani inviate al Presidente della Repubblica Pertini perchè fosse data giustizia a Mario Ciancarella

Lettere Mario Ciancarella a Politici Periti e Vertici Aeronautica Militare italiana

Lettera di Mario Ciancarella al Ministro per la difesa Rognoni

http://www.scribd.com/doc/58465219/Lettera-aperta-al-Ministro-per-la-Difesa-Rognoni-di-mario-ciancarella-fatta-pubblicare-da-Sandro-Marcucci-sul-Tirreno-di-Pisa-il-28-gennaio-1992%E2%80%8F

Lettere di Mario Ciancarella ai Capi di Stato Maggiore AM Italia

Lettera al Gen.Tricarico

Lettera al Gen.Camporini

Lettera di Mario Ciancarella al generale AM Italia e Senatore Vincenzo Ruggero Manca

Manca su Ustica

Lettere Mario Ciancarella al professor Carlo Casarosa

Interventi di Mario Ciancarella

Lettere di Mario Ciancarella a Romano Prodi e Piero Fassino

Lettera di Mario Ciancarella all' Onorevole Piero Fassino

Lettera di Mario Ciancarella a Romano Prodi Presidente del Consiglio dei Ministri

http://www.strageustica.altervista.org/pagina31.html

Lettere di Mario Ciancarella a D'Alema, Diliberto e Scognamiglio

http://www.scribd.com/doc/56233272/Lettera-Di-Ciancarella-a-d-Alema-Diliberto-e-Scognamiglio-Senza-Mai-Risposta

 

1995: Convegno Dare voce al silenzio degli innocenti

1995: Convegno Dare voce al silenzio degli innocenti promosso da Associazioni familiari delle vittime di Piazza Fontana-Piazza della Loggia-Italicus-Ustica-Stazione di Bologna-Rapido 904-Moby Prince-Firenze Via dei Georgofili-Milano Via Palestro-A.N.P.I Associazione nazionale partigiani d'Italia

Introduzione al convegno

Fonte Radio Radicale

http://www.radioradicale.it/scheda/71224/71294-dare-voce-al-silenzio-degli-innocenti-convegno-nazionale-promosso-da-associazioni-familiari-vittime-d

Venerdì 20 gennaio 1995 La fatica della memoria

Fonte: Centro documentazione cultura legalità democratica Regione Toscana

ore 16 Tavola rotonda "1969-1994: gli anni bui della sovranità limitata e delle stragi"

con Giuseppe De Lutiis, Manlio Milani, Umberto Santino Coordina Paolo Mondani

http://www.scribd.com/doc/102065025/Convegno-Dare-Voce-Al-Silenzio-Degli-Innocenti-Pagg-1-72

Fonte: Radio Radicale

ore 21,15 Dibattito "Violenza mafiosa, connivenze politiche e istituzionali"

con Rita Borsellino,Claudio Fava,Tano Grasso, Domenico Maselli. Coordina Albino Caporale

ww.radioradicale.it/scheda/71225/71295-violenza-mafiosa-connivenze-politiche-e-istituzionali-dibattito-organizzato-nellambito-del-convegno-n

Sabato 21 gennaio 1995 Verità e giustizia sulle stragi impunite

Fonte: Radio Radicale

ore 9,30 Tavola rotonda "Il difficile percorso della giustizia: il depistaggio come tecnica sistematica" con Giancarlo Caselli, Gherardo Colombo, Alfredo Galasso,Libero Mancuso. Coordina Gianni Cipriani

http://www.radioradicale.it/scheda/71175/71245-il-difficile-percorso-della-giustizia-il-depistaggio-come-tecnica-sistematica-tavola-rotonda-organizz

Fonte: Radio Radicale

ore 15 Dibattito "Il doppio giuramento: fedeltà alle leggi della Repubblica e fratellanza massonica" con Gianni Cipriani,Paolo Mondani, Felice Lima. Coordina Daniela Giannelli

http://www.radioradicale.it/scheda/71176/71246-il-doppio-giuramento-fedelta-alle-leggi-della-repubblica-e-fratellanza-massonica-tavola-rotonda-organ

Fonte Radio Radicale

ore 17,30 Dibattito "Trasparenza e democrazia anche nelle Forze Armate per la sicurezza delle istituzioni e la tutela dei diritti dei cittadini" con Roberto Sgalla, Salvatore D'Albergo,Dorigo Martino,Lino Totaro,Mario Ciancarella. Coordina Luigi Grimaldi

http://www.radioradicale.it/scheda/71226/71296-trasparenza-e-democrazia-anche-nelle-forze-armate-per-la-sicurezza-delle-istituzioni-e-la-tutela-dei-

Fonte: centro documentazione cultura legalità democratica Regione Toscana

ore 21,15 Dibattito "Libertà di stampa e diritto all'informazione" con Felice Casson,Antonio Capriani, Michele Gambino,Mauro Paissan. Coordina Stefano Marcelli

http://www.scribd.com/doc/102076041/Convegno-Dare-Voce-Al-Silenzio-Degli-Innocenti-pgg-279-334

Domenica 22 gennaio 1995

Fonte Radio Radicale

Ore 9,30 Città ferite,garanzie dei cittadini Messaggi Sindaci Leoluca Orlando e Valter Vitali, Piero Floriani,Lino Totaro,Albino Caporale, Manlio Milani, Paolo Bolognesi, Umberto Santino. Coordina Giuliano Fontani

http://www.radioradicale.it/scheda/71227/71297-citta-ferite-garanzie-dei-cittadini-tavola-rotonda-organizzata-nellambito-del-convegno-nazionale-dare

Fonte Radio Radicale

ore 10,30 Dedicato a Sandro Marcucci con Mario Ciancarella, Emilia Midrio Bonsignore

http://www.radioradicale.it/scheda/71228/71298-decicato-a-sandro-marcucci-nellambito-del-convegno-nazionale-dare-voce-al-silenzio-degli-innocenti-pr

Fonte Radio Radicale

ore 11,30 Le istituzioni della denuncia con Sergio Flamigni, Luciano Violante, Loris Rispoli. Coordina Giuliano Fontani

http://www.radioradicale.it/scheda/71229/71299-le-istituzioni-della-denuncia-nellambito-del-convegno-nazionale-dare-voce-al-silenzio-degli-innocenti

ore 15 Tavola rotonda conclusiva con Paolo Bolognesi, Daria Bonfietti,Massimo Brutti,Manlio Milani,Tiziana Parenti,Giovanni Pellegrino. Coordina Gianfranco Borrelli

http://www.radioradicale.it/scheda/71230/71300-dare-voce-al-silenzio-degli-innocenti-tavola-rotonda-conclusiva-al-convegno-nazionale-promosso-da-ass

Commissione Stragi: Audizione Mario Ciancarella

Caso Marcucci Lorenzini: 20 anni di lotte Ciancarella e Associazione Rita Atria per farlo riaprire

Aggiornamento Febbraio 2013

Mario Alberto Dettori: parla la sorella a "Nuova Sardegna
http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2013/02/04/news/mio-fratello-alberto-non-si-e-suicidato-1.6475463
e qui nuova Sardegna scrive sulle morte sospetti dopo Ustica:
http://lanuovasardegna.gelocal.it/regione/2013/02/04/news/un-inquietante-serie-di-delitti-e-incidenti-1.6475080

 

Lavoro d'indagine di Mario Ciancarella sul caso Marcucci e Lorenzini che contiene:

-testimonianze che non c'era vento quella Domenica

-risposta Procura di Massa a esposto Ciancarella 1993 che lascia chiuso il caso

-verbale incidente probatorio Silvio Lorenzini

-foto albero non toccato dal fuoco

Cap. 7 Alessandro Marcucci

Associazione antimafie Rita Atria: versione web Lavoro d'indagine di Mario Ciancarella sul caso Marcucci e Lorenzini

http://www.ritaatria.it/LeStorie/Dimenticati/SandroMarcucci.aspx

 

Foto pezzo di cruscotto sul corpo carbonizzato del Marcucci dal quale escono due tubicini flessibili non toccati dal fuoco

http://www.scribd.com/doc/40315234/Collocazione-Brano-Di-Cruscotto-Con-Due-Tubicini

Esposto 1998 per far riaprire caso Marcucci e Lorenzini

Richiesta Riapertura Indagini della Vicenda - 1998

Legge dei principi sulla disciplina 1978

http://www.strageustica.altervista.org/pagina8.html

intervento Sandro Marcucci alla nascita del Movimento La Rete di Leoluca Orlando:

Trascrizione dell’intervento in audio sopra di Sandro Marcucci all’Assemblea nazionale a Firenze della Rete nel novembre 1991 a cura di Laura Picchi

Caso Marcucci e Lorenzini 2009: RNA Rete Nazionale Antinucleare omaggia le vittime con il video che diventerà motore della raccolta firme su facebook per far riaprire il caso Marcucci e Lorenzini:

http://www.youtube.com/watch?v=fuuZm84ZD4Q

Campocecina: cippo in memoria di Sandro Marcucci e Silvio Lorenzini

Campocecina: cippo dedicato a Marcucci e Lorenzini (fonte escursioniapuane.com)

Interrogazioni parlamentari per far riaprire il caso Marcucci e Lorenzini:

http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/38379

interrogazione Leoluca Orlando 26 maggio 2009

http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/50339

question time Commissione Difesa Augusto Di Stanislao 23 febbraio 2010

http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/50670

interrogazione Leoluca Orlando 1 marzo 2010

http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/59673

interrogazione Carlo Monai 13 ottobre 2010

http://parlamento.openpolis.it/singolo_atto/64491

interrogazione Carlo Monai 26 gennaio 2011

http://www.carlomonai.it/download/risposta_vicemin_castelli.pdf

risposta governo Berlusconi che lascia chiuso il caso Marcucci e Lorenzini

http://www.ritaatria.it/ArchivioNews/tabid/159/EntryId/177/Caso-Marcucci-e-Lorenzini-Secondo-noi-queste-sono-le-Prove-per-Riaprire-il-caso.aspx

Associazione Rita Atria: queste sono le prove per riaprire il caso Marcucci e Lorenzini

http://www.ritaatria.it/ArchivioNews/tabid/159/EntryId/104/2-FEBBRAIO-1992-2-FEBBRAIO-2012-20-anni-dalla-morte-di-Sandro-Marcucci-chiediamo-la-riapertura-delle-indagini.aspx

Associazione Rita Atria: esposto inviato a tutti i Parlamentari sul caso Marcucci e Lorenzini che attende risposta

Settembre 2012

http://telejato.globalist.it/Detail_News_Display?ID=34743&typeb=0
Caso Marcucci e Lorenzini: L'Associazione Antimafie "Rita Atria" presenterà l'esposto denuncia che verrà depositato presso la Procura di Massa. La conferenza stampa si terrà sabato 22 settembre 2012 alle ore 12.00 nella sede del Comitato ARCI di PISA in Via Enrico Fermi 7. Associazione Antimafie Rita Atria

Conferenza stampa 22 settembre 2012: rassegna stampa

-Comunicati Russo Spena, Rita Borsellino e Leoluca Orlando:

 

Adnkronos: http://www.liberoquotidiano.it/news/1082519/Massa-Carrara-incidente-aereo-del-1992-associazione-chiede-riapertura-indagini.html

La Nazione di Firenze http://www.scribd.com/doc/106705181/Articolo-La-Nazione-Conferenza-Stampa-Associazione-Rita-Atria-Esposto-Caso-Marcucci-e-Lorenzini

Dal Tirreno cronaca di Pisa e di Massa:

«Quel pilota sapeva troppo su Ustica»

di Candida Virgone wPISA Non è stato un incidente. È stato un omicidio, un’esecuzione su cui si staglia ancora l’ombra terribile e vergognosa di quella che è stata definita la strage di Ustica, un segreto che ha conosciuto mille facce, ma che, come tanti misteri di questo Paese, dopo più di trent’anni è ancora a caccia di una verità credibile. E ad Ustica - che avrebbe nell’armadio 21 cadaveri sospetti oltre agli 85 morti ufficiali, una strage per cui sarebbe stato coniato il termine ormai in voga «muro di gomma» - secondo molti potrebbe essere legata anche la tragica e misteriosa scomparsa di Alessandro Marcucci. Marcucci era un colonnello dell’aeronautica passato, per alterne vicende, da una promettente carriera nella 46ª Brigata aerea, come esperto di G 222, a fare il pilota per la Transavio nel controllo degli incendi boschivi per conto della Regione: morì in uno strano incidente aereo vicino Carrara, a Campo Cecina, il 2 febbraio di vent’anni fa. Per molti, ora come allora, non sarebbe stato un incidente. A parlare di attentato e a chiedere la riapertura di un’inchiesta che si ritiene chiusa troppo in fretta e con tante lacune, sono gli esponenti dell’Associazione antimafie intitolata a Rita Atria, la ragazzina che aiutò Borsellino a decapitare parte dei poteri mafiosi e che dopo la morte del magistrato si uccise. Dopo un esposto presentato in parlamento a febbraio scorso, proprio in occasione dei vent’anni dalla morte del colonnello Marcucci, ma vittima di un disinteresse inquietante, l’associazione ne ha presentato un altro due giorni fa, ma in procura, a Massa, portando certificazioni, filmati televisivi, fotografie e documentazioni che, a detta dei suoi esponenti, smantellano pezzo per pezzo le conclusioni degli inquirenti di allora e della commissione tecnica chiamata a far luce sull’incidente e che è stata sul posto solo il giorno dopo, quando tutto era stato rimosso. Ne hanno parlato ieri, al circolo Arci di via Fermi, il presidente dell’associazione, Santo Laganà, e uno dei fondatori, Nadia Furnari; con loro c’erano la responsabile locale, laura Pitthi, ed altri rappresentanti. C’era in particolare l’amico di sempre di Sandro Marcucci, Mario Ciancarella, un ex militare al centro da trent’anni di denunce e polemiche e che fece dichiarazioni eclatanti anche nel caso Scieri, un parà morto alla Smipar a Pisa in circostanze misteriose, forse precipitato durante una prova di coraggio imposta da un gruppo di cosiddetti «nonni» e abbandonato agonizzante a terra. «Abbiamo fiducia nella giustizia e nella magistratura - dicono Laganà, Furnari e Ciancarella - e pensiamo che oggi, a Massa, cambiate le persone e in un nuovo ambiente, sia possibile ricostruire questa vicenda. È stato detto che a tradire un pilota esperto come Sandro - ha aggiunto Ciancarella - possa essere stato il vento o una manovra errata. Ma dai documenti dell’epoca emerge chiaramente che vento non ce n’era e che quel tipo di Piper è un semiacrobatico manovrabilissino. A terra è stato trovato il corpo carbonizzato del pilota, mentre Lorenzini, gravemente ustionato, viene soccorso fuori dall’abitacolo e muore un mese dopo. Le ipotesi più volte espresse in questi anni parlano di un attentato, un ordigno posto nel cruscotto e al fosforo, sostanza che brucia solo le superfici toccate: di fatto, mentre del pilota resta poco, sia l’aereo che gli alberi su cui è caduto, che un serbatoio colmo di carburante recuperato vicino al relitto sono intatti. Secondo l’esposto l’aereo, dopo un’esplosione a bordo, si schiantò al suolo sul carrello anteriore destro rimbalzando e capovolgendosi contro un tronco d’albero a tre metri d’altezza, scivolando poi e scortecciandone la superficie. Su Marcucci niente autopsia, solo un esame esterno dei resti senza rilevare le ferite alla testa e l’amputazione dei piedi. Solo per caso nella bara non finisce proprio un pezzo di cruscotto che viene consegnato agli inquirenti, ma l’intero relitto verrà dissequestrato e distrutto due giorni prima della chiusura delle indagini, senza dare a nessuno la possibilità di chiedere ulteriori perizie. Al fratello di Lorenzini, che si dice si sia trascinato fuori dall’abitacolo da solo e che muore un mese dopo, viene negata la possibilità di dare il sangue per una trasfusione. Su questi e molti altri particolari si basano i dubbi da chiarire formulati nell’esposto. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

http://www.articolotre.com/2012/09/strage-di-ustica-richiesta-la-riapertura-delle-indagini-su-un-incidente-aereo-in-cui-mori-un-teste/110160

http://www.50canale.tv/index.php/home-mainmenu-1/1-ultime-notizie/11341-qcaso-marcucciq-chiesta-riapertura-delle-indagini

http://www.radionostalgia.fm/notizie-giornale-radio-nostalgia-toscana-lazio/item/4741-aereo-cadde-su-apuane-rita-atria-,-riaprire-le-indagini.html

http://buongiornoustica.wordpress.com/2012/09/23/strage-di-ustica-testimone-del-processo-morto-in-circostanze-sospette-chiesta-riapertura-delle-indagini/

Pisanotizie:

"Quello strano incidente merita ulteriori approfondimenti". Chiesta la riapertura delle indagini sulla morte di Marcucci e Lorenzini

L'associazione antimafia 'Rita Atria' chiede di indagare nuovamente sull'aereo caduto a Campo Cecina nel 1992 in seguito al quale persero la vita Alessandro Marcucci e Silvio Lorenzini. La fondatrice Madia Furnari: "In tutti questi anni abbiamo studiato a fondo le carte e gli elementi raccolti, notando le incongruenze". Marcucci, ex pilota dell'aeronautica militare era coinvolto come testimone nell'inchiesta per la strage di Ustica

16b38ea54d6cf5cdee3be5262f83bba7 Alessandro Marcucci

La Procura di Massa riapra le indagini sull'incidente aereo del 1992 a Campo Cecina in provincia di Massa Carrara in seguito al quale persero la vita Alessandro Marcucci e Silvio Lorenzini.

Lo ha chiesto l'associazione antimafia 'Rita Atria' che negli scorsi giorni ha depositato un esposto in Procura e lo ha presentato a Pisa, città nella quale viveva Marcucci, ex pilota dell'aeronautica militare e coinvolto come testimone nell'inchiesta per la strage di Ustica.

La decisione di presentare un esposto quasi 20 anni dopo la fine della prima inchiesta giudiziaria, ha spiegato la fondatrice dell'associazione Madia Furnari, "è stata presa perché in tutti questi anni abbiamo studiato a fondo le carte e gli elementi raccolti, notando le incongruenze ma anche sperando di trovare condizioni ambientali diverse, visto che i magistrati che indagarono allora adesso non ci sono più".

Due morti sospette quelle di Marcucci e Lorenzini, come tante ce ne sono state intorno al caso Ustica e che si aggiungono alle 81 vittime ufficiali a bordo del del DC-9 dell'Itavia il 27 giugno 1980.

Marcucci era un colonnello dell'aeronautica che dopo una promettente carriera nella 46ª Brigata aerea, viene arrestato con l'accusa di aver gonfiato rimborsi di missioni dei colleghi, per poi essere assolto dai giudici che ritengono le accuse mosse all'ufficiale completamente infondate.

Una vicenda che affossa completamente la carriera di Marcucci, che infatti deciderà di lasciare l'aeronautica. La stessa appare strettamente connessa con la partecipazione a partire dalla fine degli anni '70 al movimento per la riforma costituzionale e democratica delle forze armate, che portò più volte Marcucci a prendere parola su diverse questioni.

Ma è nell'impegno per la ricerca della verità sulla strage di Ustica che Sandro Marcucci assume un ruolo di testimone 'scomodo', dopo che avrebbe raccolto le confidenze di due ufficiali di Pratica di Mare, i cui nomi non rivela a nessuno.

"Quello strano incidente merita indagine approfondite per chiarire i tanti misteri ancora irrisolti", ha aggiunto Mario Ciancarella, ex ufficiale dell'aeronautica militare, amico di Marcucci e punto di riferimento a livello nazionale del movimento per la riforma democratica delle forze armate, ma anche consulente per la famiglia del pilota deceduto nella prima inchiesta giudiziaria.

Hanno sostenuto la richiesta di riapertura delle indagini anche l'eurodeputata del Pd, Rita Borsellino, il sindaco di Palermo Leolouca Orlando e il presidente della commissione giustizia del Prc, Giovanni Russo Spena.

http://iltirreno.gelocal.it/pisa/cronaca/2012/09/23/news/appello-di-borsellino-e-orlando-1.5745087

 

http://www.stamptoscana.it/articolo/toscana/procura-riapra-indagini-su-morti-misteriose

 http://www.pisatoday.it/cronaca/riapertura-indagini-incidente-aereo-campo-cecina.html

http://www.ritaatria.it/ArchivioNews/tabid/159/EntryId/316/Rettifica-sul-comunicato-Ansa-in-merito-alla-conferenza-stampa-tenuta-a-Pisa-il-22-09-2012-dalla-Associazione-Antimafie-Rita-Atria-con-presentazione-dell-esposto-sulla-morte-di-Sandro-Marcucci-e-Silvio-Lorenzini.aspx

 

caso marcucci e Lorenzini: conferenza stampa associazione rita atria

Caso Marcucci e Lorenzini articolo Il Tirreno Massa 9 agosto 2014

Piper schiantato, la super perizia non è ancora pronta (fonte il Tirreno cronaca di Carrara) e articoli Quotidiano di Latina

 Caso Marcucci e Lorenzini Quotidiano di Latina 16 luglio 2014 (di questo articolo e delle foto in esse contenute non sono io la fonte) Si precisa che di quanto è scritto in questo articolo è CERTAMENTE VERO che la perizia sul caso Marcucci e Lorenzini è stata consegnata dai due consulenti il 14 luglio 2014, che il pm si sta leggendo la perizia. Nulla si sa del contenuto della perizia in quanto la sottoscritta non ha avuto modo di leggerla, non risultano ATTUALMENTE RICHIESTE DI ARCHIVIAZIONE DEL CASO MARCUCCI E LORENZINI, NE' RISULTA CHE L'INCHIESTA ABBIA IL DESTINO SEGNATO. laura picchi:

http://www.scribd.com/doc/235576935/Caso-Marcucci-e-Lorenzini-Quotidiano-di-Latina-16-luglio-2014

caso Marcucci e Lorenzini quotidiano di latina 22 giugno 2014/2 (di questo articolo e le foto in esso contenute non sono io la fonte)

http://www.scribd.com/doc/235576568/caso-Marcucci-e-Lorenzini-quotidiano-di-latina-22-giugno-2014-2

 

Caso Marcucci e Lorenzini quotidiano di latina 22 giugno 2014 pagina 10 ( di questo articolo e foto in esse contenute non sono io la fonte)

http://www.scribd.com/doc/235576338/Caso-Marcucci-e-Lorenzini-quotidiano-di-latina-22-giugno-2014

 

Quotidiano di Latina 30 maggio 2014 ( di questo articolo e foto in esse contenute non sono io la fonte)

http://www.scribd.com/doc/235575939/Caso-Marcucci-e-Lorenzini-quotidiano-di-latina-30-maggio-2014

 

11 marzo 2014 —   pagina 19   sezione: Massa

CARRARA Ancora nulla di fatto. La super perizia sul Piper schiantato a Campocecina dopo un tragico volo costato due vite umane non è pronta. E il pm titolare dell'inchiesta, Vito Bertoni, insieme al procuratore generale Aldo Giubilaro, chiamerà proprio nelle prossime ore i consulenti per fare il punto della situazione. I tempi previsti erano quelli dell’8 marzo, sabato scorso: due mesi era stata infatti la richiesta dei consulenti. Adesso si stringono i tempi per conoscere cosa è emerso dalla riapertura delle indagini relative a una vicenda ancora con tanti punti interrogativi. Era il 2 febbraio del 1992 quando, nella caduta del Piper antincendio a Campocecina, morirono l'ex colonnello pilota Sandro Marcucci (sul colpo) e il dipendente della Comunità Montana Silvio Lorenzini (dopo un mese di agonia a causa delle ustioni). Nei mesi socrdi il procuratore capo Aldo Giubilaro aveva riaperto l'inchiesta per sapere se e cosa era accaduto a bordo del Piper, prima dello schianto. Quello della perizia tecnica - aveva più volte sottolineato il procuratore Giubilaro - è un percorso indispensabile, propedeutico per cominciare a dire se ci sia stato o meno un reato. Quindi, prima di tutto, la Procura ha chiesto agli esperti di verificare, con i mezzi tecnici oggi a disposizione, se sia stato un incidente o qualcosa di diverso a fra cadere il Piper. All'epoca dei fatti fu raggiunta la conclusione che in sostanza propendeva per l'incidente. Alla luce dell'esposto presentato dall'Associazione antimafia "Rita Atria" la Procura di Massa-Carrara ha riconsiderato il caso. Partendo proprio dall'affido di una super perizia: da questa ora dipenderà la riapertura o l’archiviazione del caso. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Tragedia del Piper, slitta la super perizia

CARRARA Ancora due mesi. È questo il tempo richiesto dai super consulenti per la perizia sul Piper schiantato a Capocecina dopo un tragico volo costato due vite umane. La proroga è arrivata sul tavolo del pm titolare dell'inchiesta, Vito Bertoni, l'8 gennaio scorso. Bisognerà quindi attendere l'8 di marzo per sapere cosa è emerso dalla riapertura delle indagini relative a una vicenda che è ancora tinta di giallo. Era il 2 febbraio del 1992 quando, nella caduta del Piper antincendio a Campocecina, morirono l'ex colonnello pilota Sandro Marcucci (sul colpo) e il dipendente della Comunità Montana Silvio Lorenzini (dopo un mese di agonia a causa delle ustioni). Nei mesi socrdi il procuratore capo Aldo Giubilaro aveva riaperto l'inchiesta per sapere se e cosa era accaduto a bordo del Piper, prima dello schianto. Quello della perizia tecnica - aveva più volte sottolineato il procuratore Giubilaro - è un percorso indispensabile, propedeutico per cominciare a dire se ci sia stato o meno un reato. Quindi, prima di tutto, la Procura ha chiesto agli esperti di verificare, con i mezzi tecnici oggi a disposizione, se sia stato un incidente o qualcosa di diverso a fra cadere il Pieper. All'epoca dei fatti fu raggiunta la conclusione che in sostanza propendeva per l'incidente. Alla luce dell'esposto presentato dall'Associazione antimafia "Rita Atria" (che vede Mario Ciancarella, ex compagno d'armi di Marcucci, tra i più decisi sostenitori dell'omicidio di Stato per quello che l'amico aveva saputo sulla strage di Ustica) la Procura di Massa-Carrara ha ritenuto opportuno di riconsiderare il caso. Partendo dall'affido di una super perizia. Alla luce della risposta che daranno gli esperti procederemo, se fosse confermata l'ipotesi dell'incidente, si procederà con una richiesta di archiviazione. Altrimenti, si aprirà un'altra partita, con la ricerca dei responsabili del reato. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Caso Marcucci e Lorenzini: completati i rilievi. Ritumulate le salme delle vittime.

 

http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2013/07/12/news/riseppellita-la-salma-di-silvio-lorenzini-1.7410047 completati i rilievi sulle salme di Marcucci e Lorenzini, riseppellite ieri nei rispettivi loculi a Pisa e Massa.

Riapertura caso Marcucci e Lorenzini: Procuratore di Massa Giubilaro: " serve la superperizia"

Caso Marcucci e Lorenzini: Schianto del Piper, serve la super perizia
03 marzo 2013 — Il Tirreno
di Massimo Braglia CARRARA L'esposto presentato dall’Associazione Rita Atria, corredato da filmati televisivi, fotografie e documentazioni, ha convinto il procuratore capo Aldo Giubilaro a riaprire l'inchiesta sul tragico schianto aereo di Campocecina. Era il 2 febbraio del 1992 quando, nella caduta del Piper antincendio, morirono l'ex colonnello pilota Sandro Marcucci (sul colpo) e il dipendente della Comunità Montana Silvio Lorenzini (dopo un mese di agonia a causa delle ustioni). «Abbiamo individuato delle potenziali incongruenze - ribadisce il magistrato apuano - Rispetto a ventuno anni fa tecniche investigative e mezzi scientifici a disposizione degli inquirenti sono sicuramente superiori, ritengo che si tratti di un caso meritevole di attenzione, pertanto riprendiamo in mano tutto il fascicolo. Come sempre in questi casi, si parte dalla documentazione già agli atti, e da lì ripartiamo, il primo atto è la nomina di uno o più consulenti perché svolgano una approfondita perizia tecnica». La nomina potrebbe essere imminente. «La ricerca dei consulenti - aggiunge il procuratore capo - è già stata avviata, d'intesa con il pubblico ministero delegato Vito Bertoni. Certamente, devono essere professionisti con specifiche competenze per un caso del genere: ne avevamo contattato un paio, ma per precedenti impegni o altre difficoltà non hanno potuto accettare. Contiamo comunque a breve di individuare i profili professionali adeguati, poterli convocare e assegnare i quesiti. Quello della perizia tecnica - spiega il procuratore Giubilaro - è un percorso indispensabile, propedeutico per cominciare a dire se ci sia stato o meno un reato. Quindi, prima di tutto, chiederemo agli esperti di verificare, con i mezzi tecnici oggi a disposizione, se sia stato un incidente o qualcosa di diverso. All'epoca, come sappiamo, fu raggiunta una certa conclusione che in sostanza propendeva per l'incidente, alla luce dell'esposto ho ritenuto opportuno di riconsiderare il caso, e quindi non posso che affidarmi a una consulenza: alla luce della risposta che ci daranno gli esperti procederemo; ovviamente, se fosse confermata l'ipotesi dell'incidente, procederemmo anche noi con una richiesta di archiviazione. Altrimenti, si aprirà un’altra partita, con la ricerca dei responsabili del reato. Ma davvero, siamo nel campo delle ipotesi, non ho la sfera di cristallo». L'associazione Rita Atria ha reso noto, sul suo sito, il contenuto dell’esposto presentato in Parlamento, ma non quello presentato in Procura. Può dirci, in quella mole di documenti, cosa è stato in particolare a convincerla che fosse il caso di riaprire l'inchiesta 21 anni dopo? «Guardi, per motivi di riservatezza non le posso rispondere. Per un magistrato parlano gli atti: ho deciso di riaprire l'inchiesta, e questo credo sia ciò che conta». ©RIPRODUZIONE RISERVATA

vedi anche "Campocecina: nominato superperito"(NOTIZIA VERA)

http://iltirreno.gelocal.it/massa/cronaca/2013/04/22/news/campocecina-nominato-il-superperito-1.6935476

vedi anche: "aereo sulle apuane il pm dispone l'autopsia sui corpi dei piloti"(NOTIZIA VERA)

http://iltirreno.gelocal.it/regione/toscana/2013/05/23/news/aereo-sulle-apuane-il-pm-dispone-l-autopsia-sui-corpi-dei-piloti-1.7117821

rassegna stampa relativa a esumazioni e autopsie marcucci e lorenzini:

https://skydrive.live.com/redir?resid=679A8DF55F8FFE!118&authkey=!AHVhheIps4nJwO4

Caso Marcucci e Lorenzini: articolo di gianfranco borrelli L’autopsia mai fatta i resti dell’aereo distrutti

rassicuro tutti che alla verità tutta intera arriveremo. laura picchi

http://ricerca.gelocal.it/iltirreno/archivio/iltirreno/2013/03/03/LV_10_3.html Caso Marcucci e Lorenzini: articolo di gianfranco borrelli
L’autopsia mai fatta i resti dell’aereo distrutti

03 marzo 2013 — pagina 10 sezione: Viareggio
di Gianfranco Borrelli Una domenica di sole, di quelle che capitano anche d'inverno. Fredde ma secche, che si prende la scossa se hai le scarpe con le suole di gomma e che sono proverbiali per il rischio incendi. Per questo motivo quella mattina del 2 febbraio il Piper del servizio antincendi della Regione si alzò in volo per controllare il fumo che saliva al cielo da Campocecina. Per questo motivo ricordo il contrasto con la giornata di pioggia di quattro giorni dopo quando andai a cercare il tecnico dell'obitorio. «Vallo a sentire, vedrai ti dirà cose che per un giornalista sono interessanti», furono il suggerimento e l'invito di Mario Ciancarella, l'amico e collega nell'Aeronautica militare di Sandro Marcucci, morto in quel Piper precipitato nei boschi sopra Carrara. Lui dubitava dell'incidente e io però non avevo altre notizie che potessero spiegare la disgrazia in modo diverso da un colpo di vento o una manovra errata. In fondo nel frullatore della vita poteva anche essere una coincidenza che pochi giorni prima Sandro Marcucci avesse rivolto, da un'intervista al nostro giornale, un atto di accusa ai vertici dell'Aeronautica sulla vicenda di Ustica. E del resto proprio in quei giorni il caso era tornato prepotentemente alla ribalta per le indagini del giudice Priore mentre il settimanale l'Europeo si era attirato l'ira dei vertici dell'arma azzurra raccontando di una serie di morti oscure, con vittime testimoni o persone collegate alla caduta del Dc 9 dell'Itavia. Insomma, non ero molto convinto che davvero vi fosse qualcosa da scoprire. E quindi un bagaglio di disincanto mi aveva accompagnato lungo la strada e le pozzanghere che portavano alla camera mortuaria dell'ospedale. Di Franco Rebecchi, il tecnico dell'obitorio che si "prese cura" dei resti di Sandro Marcucci, ricordo poco. Del resto ventun anni non sono proprio un amen. Affiora alla memoria un uomo magro, poco loquace, un po' ruvido e forse disturbato per un'innata riservatezza dal dover parlare con un giornalista. Ma le sue parole, le sue osservazioni, i dubbi su quel che aveva constatato furono netti. Proprio non gli tornava l'odore di olio bruciato che aveva avvertito appena a contatto del corpo di Marcucci: non si spiegava con il carburante che brucia. Né si spiegava, se non con un'esplosione, come mai vi fossero frammenti di metallo infissi in profondità nel torace del pilota, o che un pezzo del cruscotto, semifuso, fosse con i resti umani nella "conchiglia" dei soccorritori e quindi destinato a essere rinchiuso nella bara. Era pronto a ripetere tutto ciò a un magistrato? Sicuro. Quel che apparve il 6 febbraio sul Tirreno tradiva il suo pensiero e le sue parole? No. È quel che disse due giorni dopo, aggiungendo che nessuno in pretura lo aveva chiamato per sentirlo, mentre già si comunicava che ufficialmente l'unica strada che seguiva la magistratura era quella dell'incidente per una manovra errata. Niente autopsia e distruzione dei resti del Piper, furono i passaggi successivi. Eppure quegli articoli del Tirreno che chiedevano di chiarire questi punti oscuri erano già allora nel fascicolo dell'inchiesta. Ma fare domande, chiedere verifiche, proporre versioni diverse, provocava anche un po’ di fastidio. A maggior ragione se evocavano trame o misteri. Già piuttosto imbarazzante per lo Stato a Massa era avere come comandante provinciale dei carabinieri un ufficiale comparso negli elenchi della loggia P2 di Licio Gelli, poi approdato a senatore di Forza Italia direttamente dalla divisa. Oggi, dopo 21 anni, Franco Rebecchi non c'è più e la sua testimonianza resta viva solo negli articoli mai smentiti di quei giorni, rintracciabili negli archivi. Di nuovo c'è però la volontà di un gruppo di persone e di un magistrato di provare a dissipare dubbi. Ancora una volta, come per molti, se non tutti i misteri italiani, succede a distanza di tanti anni, con testimoni e prove difficili se non impossibili da verificare. E questo non è uno dei quei casi in cui è la verità storica a confermare o sostituire quella giudiziaria. Cosa è davvero successo quella mattina di febbraio sui boschi di Campocecina avrebbe davvero bisogno di una verità accertata. Ma forse il ritardo di 21 anni non lo consentirà piú. ©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

RIAPERTURA Caso Marcucci e Lorenzini: INTERVISTA PROCURATORE ALDO GIUBILARO NOTA LAURA PICCHI


L'articolo originale al link: http://rassegnastampa.difesa.it/130224/1SW308.pdf l'ha pubblicato il Ministero della Difesa nella sua rassegna stampa


Il corriere della Sera a pagina 26 di domenica 24 febbraio 2013 sulla riapertura del caso Marcucci e Lorenzini scrive: "«(..) La Procura di Massa ha ipotizzato il reato di omicidio. (..)Non è un atto dovuto ha spiegato il procuratore Aldo Giubilaro ma la convinzione che nelle precedenti indagini vi sono elementi incongruenti e contraddittori da verificare».(..)

altre dichiarazioni della Procura di Massa sulla riapertura del caso Marcucci e Lorenzini: "Oggi la Procura della Repubblica di Massa ha dato ascolto alle lamentele dei questuanti ed ha sottolineato come la riapertura delle indagini sul disastro di Campo Cecina vada bel al di là dal " fatto dovuto in presenza di un esposto ma sia necessaria per far luce su un episodio le cui indagini relative furono forse frettolose e concluse senza i dovuti approfondimenti".
http://www.infooggi.it/articolo/riaperta-linchiesta-sul-disastro-aereo-di-campo-cecina-sulle-apuane/37788/

Vedi anche:

 

RIAPERTURA CASO MARCUCCI E LORENZINI: RITENGO LA POSIZIONE ESPRESSA DAL PROCURATORE ALDO GIUBILARO IMPECCABILE NEL METODO E DAL PUNTO DI VISTA DEL DIRITTO PENALE IN QUESTA INTERVISTA SUL "TIRRENO" CRONACA DI MASSA E DI GRANDE EQUILIBRIO CHE APPREZZO DOTTOR GIUBILARO MOLTISSIMO. GRAZIE. LAURA PICCHI

«Trovate incongruenze da approfondire meglio»
24 febbraio 2013 — pagina 22 sezione: Massa

CARRARA (..)Spiega il procuratore capo Aldo Giubilaro: «Dopo aver esaminato l’esposto, abbiamo individuato delle potenziali incongruenze e imprecisioni che ci hanno suggerito l'opportunità di riaprire l’inchiesta. Le indagini diranno se ci sono incongruenze “innocue”, che non spostano più di tanto l’esito, o se si arriverà ad altre conclusioni. Non dimentichiamo - aggiunge - che rispetto a ventun anni fa, mezzi e possibilità anche tecnici e scientifici certamente erano minori; per sgombrare il campo da ogni dubbio, ripeto, abbiamo deciso di riprendere in mano tutto. Si parte dalla documentazione agli atti dell'epoca, e da lì andremo avanti; non ci facciamo illusioni, sappiamo che accertare oggi eventi di oltre vent'anni addietro non è semplice, però ho ritenuto che un tentativo fosse meritevole. In settimana faremo il punto, insieme al pm delegato». Alla domanda se ci saranno nuove perizie, il procuratore non lo esclude. Di più se ne saprà a giorni. (...)

Telejato Notizie: le interviste di Pino Maniaci a Mario Ciancarella e loro interventi 2011

I siti di Telejato Notizie sono:

http://telejato.globalist.it/Detail_News_Display?ID=31844

http://www.telejato.it/


2008 Strage di Ustica: Pino Maniaci intervista Mario Ciancarella

http://www.youtube.com/watch?v=pJViN_JYRok&feature=player_embedded

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=iF4sO_LN_d4

2009 Strage di Ustica: Pino Maniaci intervista Mario Ciancarella

http://www.youtube.com/watch?v=-ePFwVL01B8

2011 Interventi di Ciancarella e Maniaci all'anniversario 19 della morte di Rita Atria

http://www.youtube.com/watch?v=ZUL3xatAXgk

 

 

Casablanca diretto da Graziella Proto: intervista a Mario Ciancarella

Tutti i numeri di Casablanca si trovano al Link: http://www.lesiciliane.org/casablanca/

DELL'ECCEZIONALE NUMERO DI CASABLANCA N°28 CHE SI CONSIGLIA DI LEGGERE TUTTO QUESTO PRESIDIO SEGNALA CHE torna l'ex Capitano Am Italia Mario Ciancarella a scrivere di Ustica dopo la sentenza della Cassazione...Leggete e se volete diffondete... GRAZIE A TUTTI!

http://www.issuu.com/casablanca_sicilia/docs/cb28?mode=window
 
 
CASABLANCA N. 28 - La ribellione
 

 

 Fonte: ritaatria.it

 

Dieci Domande a Mario Ciancarella

 

di Laura Picchi

n. 19 Casablanca

 

Ustica / Il TestimoneMario Ciancarella al momento della strage di Ustica era Capitano Pilota della F.A. nonché leader del Movimento Democratico, che nasceva dalla contaminazione delle forze armate con la cultura sociale e democratica ed era nato negli anni '70 dalla voglia di molti militari di ogni ordine e grado di confrontarsi e organizzarsi per arrivare alla rivendicazione di una riforma costituzionale e democratica delle forze armate. Convocato e ricevuto - con Sandro Marcucci e Lino Totaro - al Quirinale da Pertini, Mario Ciancarella era divenuto referente delle rivelazioni da tutta Italia delle vere o false ignobilità che si compivano nel mondo militare. Fu così che ricevette la telefonata di Alberto Dettori - suicidato nel 1987 - che gli disse "Comandante siamo stati noi...".


1) 27 giugno 1980 - 27 giugno 2011. Trentuno anni dalla strage di Ustica. Si riesumano teorie, versioni, interviste, nomi. Solo del capitano Mario Ciancarella nessuno parla. Ne, sembra abbia voglia di parlarne. Eppure tu hai deposto per ben quattro volte davanti al magistrato.
Perché a tuo parere c'e questa rimozione di Ciancarella?

Vedi tra i metodi per liberarsi di scomodi o pericolosi testimoni non c'è solo l'omicidio o, il suicidio mascherato, basta anche il semplice discredito.
Il giudice Priore dopo avermi ascoltato (sempre su sua convocazione, a seguito di mie prese di posizione pubbliche), nella sua sentenza ordinanza di rinvio a giudizio mi classifica tra gli “inconsapevoli portatori di elementi inquinanti”. In questo modo evitava di dovermi rinviare a giudizio (in quanto inconsapevole) ma al tempo stesso si sottraeva alla necessità di verificare in un eventuale dibattimento le circostanze politiche e militari della strage che gli avevo prospettato e che lui esplicitamente si era rifiutato di voler indagare, dicendomi chiaramente come gli ho ricordato ma lei non ha capito che io al livello politico non intendo arrivare?"
È una mancanza che difficilmente potrò perdonare al giudice Priore (al quale ho inviato due lettere al riguardo), non per me stesso ma soprattutto per Sandro Marcucci, cui è stata sottratta la vita ed il futuro di relazione umana e familiare, per essersi esposto eccessivamente.
La delegittimazione, che, nasce dal discredito specie se giudiziario, è lo stesso metodo che sarebbe stato adottato nei miei confronti, poco dopo la sentenza-ordinanza del giudice Priore, anche per l'omicidio di Emanuele Scieri.
S'incarcera Ciancarella per le rivelazioni di cui egli si fa portatore presso il magistrato, al fine di screditarne la credibilità. Poi ben cinque procedimenti - compreso quello attivato personalmente dal generale Celentano - si concludono con il pieno proscioglimento di Ciancarella.

2) Hai prospettato in ogni modo, un'ipotesi della strage, vera o presunta, l'autorità giudiziaria ne ha tratto spunto per riascoltare il testimone e avviare indagini conseguenti?

No, sia per successive e corrette indagini, sia per acquisire maggiore consapevolezza sulle dinamiche interne del mondo militare, essenziale per comprendere gli accadimenti che si consumano in quegli ambienti così specifici.
Ciancarella, delegittimato dagli arresti o da una sentenza pilatesca, non merita più credito né dai media né dagli investigatori.
Tuttavia, per quanto non citato o rimosso, nell'immaginario collettivo ed istituzionale, io sono lì come un macigno a minacciare la tronfia sicurezza dei responsabili di quegli omicidi e della strage di Ustica i quali, ritengono di essere usciti indenni da una inchiesta che si è fermata - forse per pavidità,
forse per esaurimento e sfinimento dell'autorità inquirente - sull'orlo dell'orrido baratro cui si era affacciata.

3) Quale era questo terribile scenario che tu cercavi di rappresentare al magistrato? Cosa lo rendeva così tragico da giustificare trenta anni di menzogne, depistaggi, ulteriori omicidi?

Lo scenario cui pervenimmo Sandro Marcucci ed io descrive una strage volontaria e premeditata che fu eseguita dalla nostra forza armata per soddisfare un'esigenza dell'intelligence statunitense,la quale, era impedita ad eseguirla direttamente, per l'intervenuta direttiva Carter. Quella direttiva (dopo le rivelazioni del coinvolgimento diretto dell'intelligence statunitense nel golpe cileno) sulle attività dei servizi americani in territori esteri stabiliva che simili attività avrebbero potuto essere svolte solo con la diretta ed esplicita approvazione del presidente statunitense.
È chiaro che, dopo il fallimento dell'operazione eagle claw (martello d'aquila) in Iran dell'aprile 1980 i servizi americani non avrebbero mai potuto ottenere dal presidente il consenso ad una successiva operazione Ustica. Attivarono il piano Ustica, da tempo predisposto, affidandone l'esecuzione al nostro paese con il consenso consapevole e l'intervento dispositivo del presidente del consiglio Francesco Cossiga e del ministro per la difesa Lelio Lagorio.


Si trattava di applicare una modalità prevista nei “manuali” descritta come “l'attacco alla fattoria”. quella cioè che consente di liberarsi di uno scomodo ed insopportabile nemico - un “capo indiano” (nel caso specifico Gheddafi) - attribuendogli un crimine che avremo però provveduto noi stessi a consumare.


4) Essendo noi nazioni democratiche, non sarà necessaria la legittimazione sociale ed internazionale? Come fare?

Certo. Predisponendo un attacco violento contro di noi, ed attribuirlo all'avversario.
Il raggiungimento di questo obiettivo ci sarà consentito ad esempio dalla consumazione del crimine ad opera di nostri operatori travestiti come il nemico ed armati con le sue armi, di una strage di “coloni di fattoria” . Coloni “nostri” ma “poco significativi” nel quadro della “grande politica” che, faremo ritrovare uccisi con le armi dell'indiano e cercando di attivare e realizzare la ritorsione nel tempo più breve possibile per evitare che eventuali tracce significative lasciate imprudentemente dagli esecutori travestiti da indiani possano contribuire a discolpare l'obiettivo finale del nostro piano criminale.
Per Ustica, il progetto era: se riusciremo ad attirare nei nostri cieli un velivolo con a bordo il “capo indiano” (ed è qui che scatta la complicità internazionale di Francia e Polonia per la costruzione della trappola nella quale attirare quel capo indiano), potremmo al suo passaggio, abbattere un velivolo civile e attribuirne a lui la responsabilità facendo ritrovare sulla scena del crimine l'arma dell'indiano. Nel nostro caso il mig, il cui pilota infatti sarebbe stato trovato con indosso la confessione di aver proceduto ad abbattere lui stesso il velivolo civile su ordine di Gheddafi che viaggiava invece su un tupolev - lo zombie 56 presente ed attivo nello scenario di Ustica. La confessione è completamente - sparita, ma c'è certezza giudiziaria.

5) C'è un particolare che depista? Perché tutti ci hanno raccontato di un attacco diretto a Gheddafi?

Si. Il particolare che spesso depista i ricercatori della verità, quando appare chiara l'intenzione di “eliminare” il leader libico, è che non si sarebbe trattato di un attacco diretto a Gheddafi ma dell'attribuzione della strage a lui e ad un suo ordine - lasciandolo dunque transitare tranquillamente verso la sua destinazione, dove però sarebbe stato fermato per essere processato - o ucciso, è da vedere - incolpandolo cioè di aver ordinato ad un suo mig di scorta di abbattere un velivolo civile italiano. Cosa che doveva essere confermata dalla cattura del mig e del pilota, che avrebbe confessato e subito dopo, sarebbe stato rilasciato. Ciò avrebbe giustificato l'immediata cattura di Gheddafi in Polonia e la tempestiva reazione e ritorsione contro Tripoli, dove era già stato predisposto peraltro un colpo di stato, per conto e nell'interesse dell'occidente organizzato con l'attiva partecipazione degli italiani.

6) Una ipotesi molto interessante, difficile da capire per i comuni mortali. Forse solo gli addetti ai lavori. Tuttavia, cosa fece saltare questo ipotetico piano? Insomma perché prese una piega diversa?

Avvenne che i servizi andreottiani, in conflitto con i servizi cossighiani e vicini al leader libico, lo sollecitassero a sparire dai nostri cieli appena in tempo per evitare di incrociarsi con il dc9 - vittima predestinata e scelta solo al momento in cui Gheddafi aveva richiesto un decollo con destinazione Varsavia che, se non si fosse trattato di una trappola, sarebbe stato impossibile venisse autorizzato proprio in quei giorni. Appena in tempo per far sì che il colonnello cadesse con il suo aereo, ma troppo tardi per riuscire a fermare l'operazione d'abbattimento del dc9. Distruzione volontaria e premeditata.
Ormai avviata.
Sullo scenario erano rimaste le vittime civili ed era rimasta un'arma indiana (il mig), ma, non l'indiano che avrebbe dovuto utilizzarla.
Non pochi allora si sarebbero chiesti cosa ci facesse proprio lì un mig e come fosse possibile che volasse in quello spazio aereo, senza avere neppure la necessaria autonomia per arrivarci da Bengasi, e senza essere stato rilevato dai nostri radar sia in quella porzione di spazio aereo che nel suo percorso. Si decise così di abbattere anche il mig.
Comincia perciò una serie impressionante e micidiale d'errori di valutazione, d'alterazioni di dati, di pavidità dei periti che, non vollero mai giungere a conclusioni ritenute “pericolose” a livello personale e di “interesse di stato”. Uno scenario squallido e scellerato che si trascinerà per venti anni, fino alla confessione del generale Arpino di fronte alla commissione stragi nel novembre del 1999. Una rivelazione accolta, purtroppo, nella generale indifferenza
dei commissari e della pubblica opinione, Anzi, si ritenne opportuno, addirittura di ringraziare l'ufficiale per la “nuova collaborazione” dimostrata con quella confessione.
Alla ignobiltà dei nostri rappresentanti politici non c'è limite.
La mia vicenda personale (radiato con la falsificazione della firma del Presidente Pertini) certifica e testimonia a cosa siano capaci di arrivare e realizzare ambienti di raffinate ed esasperate prerogative quando, essi devino verso obiettivi diversi da quelli costituzionali.

7) Ma di tutto questo il giudice Priore non sembra dare alcun conto nella sua sentenza di rinvio a giudizio. Come valuti questa circostanza?

Io so che lui d'indagini conseguenti ai miei interrogatori n'abbia effettuate tante, benché abbia poi detto di non aver trovato riscontri oggettivi alle mie affermazioni.
Un esempio. Quelle sferule nel bordo d'attacco dell'ala che confermavano un attacco con missile inerte le ha trovate, ed ha dato incarico a dei periti di individuarne la provenienza. Se i periti non hanno poi saputo o voluto indicare la natura, né suggerire ipotesi al magistrato, non è colpa di chi per primo aveva parlato al magistrato di quelle sferule. Senza avere alcuna certezza che nel “cadavere dell'aereo” ne avrebbero potute ritrovare alcune.


Quando il missile esplode, infatti, quelle sferule vengono sparate via ad altissima velocità, il doppio di quella del suono.
Solo un caso fortuito ha fatto si che se ne potessero trovare nella struttura alare. Non aver individuato la natura di quelle sferule ha significato non essersi potuti porre l'interrogativo fondamentale se davvero si voleva sostenere la tesi del conflitto aereo, come anche in questi giorni Priore è tornato a sostenere.
In un conflitto aereo (previsto o no), che il magistrato ritiene esserci stato, c'è qualcuno che viaggi con missili a testata inerte?
Senza risposta a questo interrogativo diventava allora impossibile capire che si era trattato di un piano studiato nei minimi particolari, fino alla previsione e costruzione del “possibile alternato”: Se qualcosa, come poi è accaduto, fosse andato storto, era infatti, necessario, determinare un “effetto bomba” con il quale poi si sarebbe accreditata la indecorosa versione dei “bombaroli”, Nonostante l'assenza di residui d'esplosivo.
Un Missile a testata inerte determina l'esplosione del velivolo pressurizzato così come uno spillo determina lo scoppio di un palloncino, con un effetto “bomba”.
Vale a dire con una sequenza dall'interno verso l'esterno.
Non solo. Che vi fossero dei missili a testata inerte che mancavano negli arsenali della forza armata, il giudice Priore ha potuto verificarlo direttamente. Avrebbe potuto chiedere (cosa che in ogni modo non ha fatto) il sequestro di un qualsiasi esemplare per raffrontare la natura delle sferule stabilizzatrici
con quelle trovate nell'ala del dc 9, solo che gli è stato detto che all'appello ne mancavano ben sei, non uno solo.
L'aeronautica non ha saputo o voluto offrire nessuna valida spiegazione a questa “fuga di missili”. Ora è evidente a chiunque che, se manca una sola testata è più facile seguirne il percorso e capire dove e come sia stata “sottratta”, ma, se le testate sono sei, tutto diviene più complicato., Una
forza armata ha messo dunque a rischio anche la propria immagine, presentandosi come incapace a controllare la disponibilità di missili dei propri arsenali (missili non lapis o oggettistica insignificante), pur di rendere evanescenti le reali condizioni in cui abbiano operato i suoi uomini nella realizzazione di un progetto criminoso.
Potremmo dire ancora degli organici dei controllori che furono setacciati da Priore, (sempre dopo le mie deposizioni), oppure della ricerca delle strips di volo, o ancora la richiesta di nastri registrati a Pratica di Mare. Purtroppo, sempre, con procedimenti assolutamente inefficaci perché svolti o fatti
svolgere dalla stessa organizzazione sospettata della responsabilità diretta del crimine, ottenendone quindi, ora delle dichiarazioni evidentemente false, ora delle alterazioni o negazione di documenti, per arrivare infine all'ignobile pantomima del nastro di codici interpretativi nato per la decodificazione dei tracciati di volo.
Purtroppo la legislazione non aiuta i magistrati ad indagare gli ambienti militari e ci sarebbe bisogno di magistrati che rivendichino con uno scatto di orgoglio il proprio compito, funzione e potere di indagare senza limitazioni o costrizioni.

8) Inquietante. I politici hanno preso mai posizione?

I nostri parlamentari hanno sempre finto di non rendersi conto di questa necessità di legiferare su simili circostanze, contribuendo così ad accrescere il senso di solitudine di qualsiasi investigatore, anche il più serio e determinato.
Abbiamo avuto, sempre, una classe politica deferente e timorosa verso il “potere e l'istituzione militare”, una cosa che, non esiste nella nostra costituzione per la quale le forze armate sono uno strumento amministrativo e non mai un'istituzione. Invece, si recarono in delegazione a Livorno a chiedere scusa alla folgore per i sospetti patiti in occasione dell'omicidio del giovane Emanuele Scieri. Quasi che lo zibaldone non risuonasse ancora nelle aule parlamentari.
O che le indagini non fossero ormai orientate verso “il delitto preterintenzionale, di cui non è stato possibile accertare le responsabilità personali”. E quelle ambientali? Niente, solo scuse formali della politica, pavida e necessitante di forze armate pretoriane piuttosto che di cittadini democratici in armi.

9) Queste cose mi ricordano il colonnello Sandro Marcucci…

Su Sandro Marcucci, Priore è in evidente affanno. Gli portai gli ingrandimenti dei rottami e del cadavere di Sandro e dopo averli mostrati al suo sostituto dott. Salvi arrivò a dire al suo collaboratore (come gli ho ricordato in una delle mie lettere) “guarda come l'hanno ucciso”. Subito dopo, rivolto a me: “io però non sono legittimato ad indagare su ogni crimine consumato.
Solo quando un magistrato dovesse accertare che si è trattato d'omicidio potrei intervenire a seguito del suo racconto”.
Lo stesso magistrato però, “fugge” di fronte a circostanze di cui egli stesso dà conto nelle tre paginette che mi ha dedicato.
Successe che un carabiniere mi rivelò spontaneamente, di aver assistito ad un colloquio durante il quale un ufficiale avrebbe detto all'appuntato Stivala dei cc: “abbiamo (o hanno) chiuso la bocca a Marcucci, ora dovremo (o dovranno) chiuderla a Ciancarella”.
Avvisato da me il magistrato si dà da fare per avere il nome e ascoltare il carabiniere, il quale a verbale, conferma tale circostanza.
Tuttavia l'appuntato Stivala - ricordando i gravi pregiudizi penali e militari a cui Sandro ed io eravamo stati esposti (entrambi prosciolti con formule più o meno alchemiche) - negava decisamente che quella circostanza si fosse mai verificata.
Che necessità c'era di ricordare quei pregiudizi se non nell'ottica della delegittimazione e del discredito?
Tanto basta al magistrato per non indagare, analizzare chi dei due carabinieri ha mentito e per quale motivo. Nella sua sentenza poi, riporta che io sarei stato mosso da esclusiva rivendicazione personale o amicale per Sandro contro l'aeronautica.
Davvero un po' poco mi sembra.


10) Cosa è stato il movimento democratico dei militari e quali sono state le vostre battaglie dentro l'aeronautica militare italiana? Cos'era la legge dei principi del 1978? Quali prezzi sono stati pagati da membri autorevoli del movimento democratico dei militari in ami per quelle battaglie?

Temo che questo ci possa portare troppo lontano ma, rispondo volentieri a questa domanda perché dà senso al nostro impegno per una struttura dello stato che fosse davvero docile al dettato costituzionale e non lo fosse solo per un formale ossequio Erano gli anni settanta. Molti militari d'ogni ordine e grado, rivendicavano la necessità di una riforma costituzionale e democratica delle forze armate. Il movimento che fondarono nasceva dalla contaminazione
delle forze armate con la cultura sociale e democratica della società civile e dalla progressiva consapevolezza che democrazia non è sinonimo di entropia o anarchia - ma di responsabilità e coscienza civile. Perché non fosse più possibile che, in nome di un'obbedienza dovuta, potessero rinnovarsi fenomeni come i crimini nazisti o quelli consumati più recentemente dalle dittature latinoamericane.
C'era da superare la paura antica dei comandanti di perdere il diritto all'autorità del comando insindacabile ed autoritario, invece, le nostre argomentazioni disegnavano forze armate dove il comando fosse vissuto come vincolo d'autorevolezza e di responsabilità di chi ha funzione e compiti di comando.
A nostro giudizio, simili forze armate sarebbero state molto più efficienti e molto più fedeli soprattutto sotto il profilo della sicurezza democratica .Dalla nostra noi avevamo non pochi fattori positivi: la costituzione italiana ( che sanciva all'art 52 3° comma “l'ordinamento delle ff.aa. s'informa allo spirito democratico della repubblica”), le conclusioni del processo di Norimberga che avevano sancito la fine dell'impunità personale per obbedienza dovuta,
e non ultima lo spessore democratico di molti parlamentari. Non è un caso che la relazione introduttiva alla legge sui principi della disciplina militare - la l. 382 del 1978 - cita l'intervento di Aldo Moro nella costituente sulla natura delle forze armate che la Costituzione avrebbe dovuto prevedere, e che quella legge fosse approvata nel luglio nonostante l'omicidio di Aldo Moro avvenuto appena due mesi prima della approvazione.
Nell'articolo 4, che sancisce la pari dignità dei militari di fronte alla disciplina ed al servizio, si rileva il diritto valutato sulla legittimità degli ordini ed un dovere di disobbedienza in caso di illegalità degli ordini ricevuti, con obbligo di denuncia del superiore che li avesse emanati.
Questa cultura avrebbe potuto evitare Ustica, se solo avesse avuto tempo di crescere anche nelle coscienze dei militari coinvolti, a volte loro malgrado, come il maresciallo Puglisi, l'operatore che costruì artificiosamente, per eseguire un ordine, la traccia del mig il diciotto luglio. Poi spaventato per le possibili implicazioni giudiziarie, segnala alcune minacce ricevute.
Sarà trovato suicidato, impiccato ad un albero così basso che i piedi sono appoggiati al suolo e le ginocchia sono flesse sotto il corpo, pochi giorni prima dell'interrogatorio davanti al magistrato.
Non c'è uomo del movimento, che, non abbia dovuto pagare prezzi disumani per il proprio impegno, ma pur di fronte alla sofferenza di ciò che ci era più caro - la famiglia ed i figli - abbiamo potuto resistere, chi più chi meno, proprio in virtù di quella “retorica militare” che per noi si era fatta valori da confermare nella quotidianità.
La retorica dell'essere pronti a dare la vita sui campi di battaglia, quella che trasforma in eroi i combattenti caduti nelle varie missioni di pace.
Molti alla fine si sono arresi. Questo non può avvenire a chi ha avuto, come è accaduto a me, maestro ed amico fraterno, un uomo come Sandro Marcucci. A chi come me ha ascoltato quelle sue parole che si sono incise nella pelle e nel sangue: “Mario finché il sangue dei nostri figli varrà di più del sangue dei figli degli altri, finché il nostro dolore per la morte dei nostri figli varrà più del dolore degli altri per la morte dei loro figli, ci sarà sempre, qualcuno pronto a compiere stragi nelle piazze, nelle stazioni, sui treni o sugli aerei, con la sicurezza della impunità. Dobbiamo farci familiari di tutte le vittime di delitti e stragi impunite, come lo fossimo di sangue; portando in dote il cinismo e la competenza che ci vengono dalla nostra professionalità finché non avremo ottenuto verità e giustizia per ciascuno di loro”.
Di più non credo avrei potuto ricevere.
Di meno non credo avrei potuto restituire senza sentire l'insopportabile indegnità di aver tradito un giuramento, solenne e consapevole, di servire la patria con onore ed essere fedele ad ogni cittadino sovrano fino al rischio della vita.

Copyright 2011 Associazione Antimafia Rita Atria - by DotNetNuke